Brescia Calcio Femminile chiude 0-0 contro il Cittadella

Brescia-Cittadella 0-0
Brescia-Cittadella 0-0

Il Brescia Calcio Femminile chiude il suo campionato di Serie B con un pareggio 0-0 contro il Cittadella, al termine di una partita divertente e tipica del finale di stagione tra due squadre che non hanno più nulla da chiedere, visto che entrambe erano matematicamente salve.

Per il Brescia sicuramente si è trattata di una giornata speciale, interamente dedicata a Giampaolo Valnegri, preparatore dei portieri delle Leonesse, scomparso lo scorso martedì: il presidente onorario Giuseppe Cesari e la vicepresidente Rosangela Visentin hanno consegnato una targa alla famiglia Valnegri; la squadra è scesa in campo con una maglia speciale, il lutto al braccio e ha lanciato decine di palloncini colorati in cielo. Si ringrazia anche la Divisione Calcio Femminile per aver concesso la possibilità di poter osservare un minuto di raccoglimento prima dell’inizio del match.

<iframe width="900" height="475" src="https://www.youtube.com/embed/sVZIdrDs9tU" title="YouTube video player" frameborder="0" allow="accelerometer; autoplay; clipboard-write; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen></iframe>

LA GARA – Come annunciato dal vice allenatore Fabio Treccani alla vigilia, c’è spazio per qualche giocatrice che ha avuto meno minutaggio in stagione: in porta Gilardi, difesa con Brevi, Verzeletti, Galbiati e Massussi; centrocampo con Martino, Magri, Barcella e Assoni con capitan Brayda a supporto di Colombo punta avanzata. Arbitra il signor Garofalo di Torre del Greco.
La prima conclusione verso la porta è al minuto 8 con Meggiolaro che cerca l’angolino dal limite ma sfiora il palo. Risponde il Brescia al 17′ con Martino imbeccata da Brayda: l’esterno incrocia il destro a Toniolo battuta ma la palla esce di un soffio. Al 29′ ci prova Assoni ma senza fortuna: l’attaccante si allunga il pallone sul controllo favorendo l’intervento di Ripamonti. Al 36′ è Masu a provarci da fuori per il Cittadella, conclusione alta. Al 44′ Peruzzo cerca la porta direttamente da calcio piazzato: conclusione potente ma centrale che Gilardi alza in corner. Dall’angolo seguente ancora Peruzzo a cercare direttamente la porta, ma Gilardi con un bel riflesso toglie il pallone dalla porta.
Ad inizio ripresa subito due cambi per il Brescia: escono Assoni e Brayda, entrano Pasquali e Ronca. Al 5′ ci prova Martino dalla distanza ma non trova lo specchio della porta. Stessa sorte per il tentativo di Colombo all’11’ su verticalizzazione di Barcella. Al 17′ entrano Luana Merli e Previtali per Colombo e Martino. Al 22′ ancora Masu da fuori: pallone alto. Al 31′ esordio in Serie B per Chiara Pedemonti, che prende il posto di Massussi. Al 36′ l’episodio che potrebbe indirizzare il match: si fa male Toniolo, portiere del Cittadella, in uno scontro con Galbiati. Le venete non hanno il portiere di riserva, quindi l’estremo difensore è sostituito da Meneghetti ma in porta va l’attaccante Ponte. Al 38′ Brescia vicino al vantaggio con la conclusione debole ma precisa di Ronca che però pizzica il palo esterno ed esce sul fondo. L’ultimo squillo è del Cittadella con la conclusione dal limite di Peruzzo che non centra i pali.
Dopo cinque minuti di recupero cala il sipario sulla stagione del Brescia Calcio Femminile, che conquista una bella salvezza in Serie B e che così può lasciarsi andare ai giusti festeggiamenti, sempre nel ricordo del caro Giampaolo Valnegri la cui umanità, grande combattività e profondo amore per lo sport rimarranno sempre come una eredità irrinunciabile per tutta la famiglia del BCF.

LE INTERVISTE – Nel post gara ha parlato il vice allenatore del Brescia Calcio Femminile, Fabio Treccani: «Penso che dopo queste ultime due settimane, l’ultima cosa sui cui contavamo oggi era il risultato. Avevamo voglia di festeggiare la salvezza al termine di una stagione fatta di alti e bassi, avevamo voglia di ricordare Giampaolo nel modo migliore. Forse una vittoria avrebbe chiuso il cerchio, ma va bene così. C’era la volontà anche di dare spazio a chi ha giocato meno finora e nel primo tempo abbiamo fatto una buona partita, faccio i complimenti a tutte ma in particolare alle ragazze che avevano visto meno il campo ma che oggi hanno dimostrato di valere la categoria e di poter essere protagoniste». E’ stato più facile oppure no scendere in campo dopo una giornata come quella di venerdì, dei funerali di Valnegri, che hanno profondamente toccato tutto l’ambiente? «Forse è stato più facile, perché l’unico modo che abbiamo di onorare la sua memoria è facendo quello che sappiamo fare meglio, giocare a calcio. Venerdì è stata una giornata difficile, ricca di emozioni, però anche oggi il pregara è stato profondo con la presenza della famiglia di Giampaolo ed è stato giusto ricordarlo come abbiamo fatto, però è stato anche giusto festeggiare alla fine una salvezza ottenuta in questo modo». Una salvezza ottenuta ad una giornata dalla fine, al termine di una stagione equilibratissima ed incerta, con la Roma che è l’ultima ad ottenere il pass per la Serie B 2021/2022 con addirittura 34 punti. Un risultato che sicuramente avvalora ancora di più l’operato di tutti, dalla dirigenza, allo staff, alla squadra: «Sono d’accordo, ho ripetuto sempre alle ragazze che quest’anno non ci ha regalato niente nessuno, tanto meno nelle ultime partite. E tutto quello che è stato conquistato è stato fatto con la voglia, la cattiveria, la voglia di migliorarsi e il lavoro quotidiano sul campo».

«Non è stata probabilmente una partita giocata con grande intensità – le parole del difensore del BCF, Michela Verzeletti -. Sicuramente il fatto che non c’erano obiettivi reali da conquistare sul campo ha influito in questo, però è stata una gara equilibrata, con occasioni da entrambe le parti. Sicuramente l’emozione ha giocato un ruolo importante oggi, soprattutto nei primi minuti di gara dopo il minuto di silenzio e tutto quello che avevamo preparato per onorare al meglio la memoria di Giampaolo. Siamo e resteremo sempre vicini il più possibile alla sua famiglia».

Esordio stagionale per Chiara Pedemonti: «Ho aspettato tanto questo momento, e ho provato una grande ansia prima di entrare con tutti gli incitamenti da parte delle mie compagne, mi tremavano le gambe ma ho ricevuto una carica pazzesca. Sono stata fuori tanto tempo per diversi motivi, quindi sono molto contenta di aver avuto la possibilità di giocare oggi. Sicuramente oggi siamo scese tutte in campo per Giampaolo, ed è stato giusto così. E’ stata una settimana impegnativa, e tutto quello che avevamo oggi l’abbiamo dato perché ci tenevamo tantissimo. E’ finita 0-0 ma ci siamo tolte la soddisfazione di poter dire che abbiamo giocato bene per lui».

Brescia-Cittadella 0-0

Brescia Gilardi, Verzeletti, Galbiati, Brevi, Massussi (31’ st Pedemonti), Magri, Barcella, Assoni (1’ st Pasquali), Brayda (1’ st Ronca), Martino (17’ st Previtali), Colombo (17’ st Luana Merli). (Meleddu, Locatelli, Parsani, Ghisi). Allenatore Macrì

Cittadella Toniolo (36’ st Meneghetti), Ripamonti, Casarotto, Masu, Pederzani (33’ st Baldo), Pizzolato (19’ st Zanni), Sara Novelli, Meggiolaro (19’ st Cacciamali), Peruzzo, Ponte, Zorzan (33’ st Begal). (Giada Novelli, Scarpelli). Allenatore Nicoli

Arbitro Gerardo Garofalo (Torre del Greco). Assistenti Nicola Morea (Molfetta) – Salvatore Gambino (Nocera Inferiore)
Ammonite Barcella, Cacciamali, Previtali
Note Stadio “Gino Corioni” di Ospitaletto. Gara a porte chiuse. Calci d’angolo 3-3. Recupero pt 0’, st 5’.

.

.