Amarcord Brescia-Verona

Categoria principale: Brescia Calcio
Amarcord Brescia Verona
Amarcord Brescia Verona

Nel campionato 1986-87 Elkjaer al 41' porta in vantaggio gli ospiti dopo un' azione innescata da un clamoroso errore ai 30 metri dalla porta bresciana commesso da Bonometti.

Nella ripresa, il Brescia trascinato da uno stadio gremito trova il pareggio su azione da calcio d' angllo: Gritti spara in porta, Giuliani para miracolosamente, ma Branco insacca all' incrocio dei pali tra il tripudio della tifoseria biancoblu.

Il 14 aprile 2001 nell' uovo di Pasqua c'è il gol di Baggio al 21', il Brescia domina la partita trovando un grande Ferron che para miracolosamente più volte. I 1911 rovinano la festa con le continue contestazioni a Corioni che dureranno anni rovinando l' atmosfera del Rigamonti per lustri interi.
Collina costretto ad espellere prima Camoranesi, futuro campione del mondo per una gomitata e nel finale anche Gonnella. Per il Verona l' unico lampo arriva da un' incornata di Bonazzoli parata da Srnicek.

Il 7 aprile 2002 lo 0 a 0 è decisivo per le sorti di quella stagione, il Verona che accarezzava sogni di Europa, inanella una serie clamorosa di risultati negativi ed alla fine retrocederà con 39 punti, mentre le rondinelle, orfane di Baggio per gran parte della stagione, si salveranno a quota 40.
In particolare, in questa sfida, Mazzone schiera addirittura il semisconosciuto Binotto al posto del codino.

Amarcord Inter-Brescia gli ultimi 40´ anni

.

.